ESTATE, SOTTO CONTROLLO L’INTERA RETE IDRICA TERRITORIALE: PRONTA A PARTIRE LA RICERCA PERDITE

Rueca: “Al momento non ci sono criticità particolare nonostante le alte temperature”.

Nonostante il caldo intenso e la siccità dovuta alla mancanza di piogge, il quadro generale delle reti di distribuzione appare soddisfacente. Lo affermano Ati e Sii che sottolineano come le sorgenti non abbiano allo stato subito particolari flessioni e come la situazione complessiva dell’approvvigionamento idrico al momento non presenti particolari criticità. Sempre Ati e Sii ricordano che la situazione idrica del territorio è costantemente sotto controllo, con un’attenzione particolare a pozzi, sistemi idrici e reti di distribuzione e con piani di intervento da attivare in caso di necessità. Particolare attenzione è posta sull’acquedotto di Ficulle, per il quale sono previsti nuovi investimenti nel breve periodo, e su alcune frazioni del narnese-amerino. “Anche con queste elevate temperature – afferma il direttore generale Paolo Rueca – non rileviamo ad oggi rilevanti problematiche. Questo grazie agli investimenti fatti negli anni scorsi che oggi ci consentono di avere un sistema complessivo di distribuzione migliore rispetto al passato anche su alcune località storicamente sofferenti, come nel caso di Calvi dell’Umbria dove, insieme al Comune, Ati e Sii hanno già svolto alcuni interventi di miglioramento ed altri sono in programma prossimamente. In procinto di partire – informa Rueca – anche il progetto di ricerca delle perdite finanziato dalla Regione che consentirà il recupero di importanti risorse idriche e che garantirà risvolti positivi in termini energetici e di disponibilità durante l’estate”.

Consigli per l’utilizzo dell’acqua potabile Sii e Ati raccomandano un uso corretto e consapevole dell’acqua durante il periodo estivo quando i fabbisogni crescono e c’è necessità di un maggiore approvvigionamento per usi civili. In questo periodo è vietato utilizzare l’acqua della rete per innaffiare orti e giardini o per riempire piscine. “Un uso intelligente dell’acqua – conclude Rueca – elimina gli sprechi e consente a tutti di poterne disporre in maniera adeguata”.

Annunci