Emergenza idrica Terni Nord: negativi i primi risultati delle analisi svolte

Le manovre di messa in sicurezza e di ripristino della normale funzionalità dei sistemi di distribuzione idrica eseguite ieri hanno permesso di gestire l’emergenza idrica di Terni Nord affrontata tempestivamente da Sii, Asm e Comune di Terni in coordinamento con Usl 2, Arpa e protezione civile comunale.

Dai primi risultati relativi ai prelievi fatti ieri da Sii ed esaminati dal laboratorio Asm non risultano criticità. I dati delle analisi disponibili finora denotano infatti assenza di cariche batteriche o di altre tipologie di sostanze non conformi. “Dobbiamo ora aspettare – spiega il direttore generale Paolo Rueca –, secondo protocollo, i risultati definitivi che fornirà domani l’Usl2 per considerare formalmente l’emergenza superata, anche se i dati finora emersi prefigurano una situazione sotto controllo”. Le attività di controllo e monitoraggio del campo pozzi di Fontana di Polo al momento permangono, così come il servizio sostitutivo di autobotti per garantire alla popolazione la disponibilità idrica indispensabile.

Servizio Idrico e Comune di Terni hanno messo in campo sin da ieri una serrata attività di informazione ai cittadini delle zone interessate e contestualmente, insieme ad Usl 2 e Arpa, hanno proceduto alla verifiche della presenza di eventuali agenti inquinanti nelle acque del territorio compreso nell’ordinanza del sindaco di Terni e di quello di San Gemini.

Tecnici Sii e Asm avevano ieri proceduto subito ad effettuare le manovre di scarico dei serbatoi idrici e il successivo loro riempimento con il ricorso all’ipoclorito per la necessaria ed adeguata disinfezione. Sono stati inoltre eseguiti lo scarico e il lavaggio delle tubazioni per eliminare eventuali residui dovuti ad inerzie di distribuzione. Il disinfettante immesso in rete costituisce un indicatore di una probabile assenza di cariche batteriche nelle acque.

Annunci